Una pinta di birra è un pasto da re” diceva William Shakespeare, e come dargli torto?

Questo mese ci soffermiamo sulla birra, l’elemento essenziale e che assieme alla carne crea il giusto mix per una steakhouse che si rispetti. Una buona birra ha bisogno di un terreno predisposto e soprattutto di un’acqua che crei il giusto assemblaggio e possa far venir fuori una birra che possa vantarsi di essere riconosciuta tale.

La quantità di birra da poter scegliere è, indubbiamente, tantissima. Abbiamo deciso, quindi di fare una scelta mirata e pensata. Il primo passo è stato quello della scelta del Paese. E quale paese migliore se non quello dove è nata la birra? Abbiamo appunto optato per una birra tedesca, ma anche qui la scelta era ampia. A questo punto in linea con la nostra qualità e i nostri valori siamo andati a scegliere una birra fatta da artigiani e per forza di cosa la nostra scelta è ricaduta sulla Kulmbacher.

Spilliamo cinque tipi di birra per fornire una possibilità di scelta alte ed una qualità sempre al top. Abbiamo una Original chiara; Heller Bock chiara doppio malto; Keller dal tedesco “cantina” appunto quindi una birra da cantina; una Weiss; ed infine una Bock rossa doppio malto.

Credo sia giusto fare un piccolo cenno storico sulla città di Kulmbach.

Una cittadina di circa 27 mila abitanti. Vantava ben cinque birrifici che hanno avuto la brillante idea di unire le forze e mettersi insieme, creando così un collettivo: il Gruppo Kulmbacher. La storica fabbrica è in piedi dal 1846 e dà lavoro alla maggior parte della popolazione. Inoltre un paesino come Kulmbach crea una de “la Settimana della birra” più importante d’Europa, visitata da 120mila persone l’anno.

Ora potete capire maggiormente perché la nostra scelta è ricaduta su una birra di questa qualità.